Pagine

sabato 9 giugno 2018

Raggi sonici al personale Usa arrivano anche in Cina? - ricerche di Emiliano Babilonia

Il dipartimento di Stato Usa ha pubblicato un’allerta salute per i cittadini americani in Cina, dopo un possibile attacco con raggi sonici a Guangzhou

Il dipartimento di Stato Usa ha pubblicato un’allerta salute per i cittadini americani in Cina. Ciò dopo che un impiegato governativo a Guangzhou ha riportato inusuali sensazioni di suoni e pressioni, che successivamente sono stati diagnosticati come un lieve trauma cranico e come una permanente perdita dell’udito. Lo riporta il Washington Post. A riguardo, Jinnie Lee – portavoce dell’ambasciata statunitense in Cina – ha aggiunto che tra la fine del 2017 e aprile del 2018 l’uomo ha avuto sintomi fisici inusuali. Questo è tornato in patria per effettuare analisi e il 18 maggio la sede diplomatica è stata informata sul referto. Lee ha sottolineato che il dipartimento di Stato prende l’incidente molto seriamente. Inoltre, ha aggiunto che “il governo cinese ci ha assicurato di stare conducendo un’indagine e che prenderà le misure appropriate”.

L’alert del dipartimento di Stato Usa: Se vi trovate in Cina e si manifestano strani fenomeni uditivi o sensoriali acuti accompagnati da suoni insoliti o rumori penetranti, non tentare di localizzarne la fonte. Lasciate la zona

L’alert del dipartimento di Stato sullo strano fenomeno, comunque, rimanda a una serie di episodi simili. Questi hanno coinvolto diplomatici Usa e Canadesi a Cuba, che sembra abbiano subito alcuni attacchi con una sorta di raggi sonici, tanto da riportare lesioni. Washington, infatti, consiglia che “mentre ci si trova in Cina, se si verificano strani fenomeni uditivi o sensoriali acuti accompagnati da suoni insoliti o rumori penetranti, non tentare di localizzarne la fonte”. Ma di “spostarsi in una posizione in cui non siano presenti”. per ora quello di Guangzhou sembra sia un caso isolato, ma non è escluso che nel prossimo futuro possano emergerne altri. Da parte di persone, che magari hanno considerato il fenomeno solo come una stranezza e non lo hanno associato a disturbi. Ma che ora, con le ultime novità emerse, potrebbero farsi avanti per presentare una denuncia.

L’episodio a Guangzhou presenta molte similitudini con gli attacchi con raggi sonici contro il personale Usa e canadese a Cuba. Inoltre si associa a quello con i laser a Gibuti. Contro gli Stati Uniti è in corso una guerra fantascientifica?

Peraltro, se l’episodio in Cina fosse confermato, confermerebbe che gli Usa sono al centro di una guerra globale fantascientifica. Condotta con armi che sembrano uscite da film. Non si sono solo i raggi sonici, infatti, ma anche i laser. Recentemente alcuni piloti militari americani a Gibuti sono stati colpiti da fasci di luce coerente provenienti dalla vicina base cinese nel paese africano. Non è chiaro, però, se il personale fosse l’obiettivo o se abbia subito gli effetti indirettamente. Secondo Stratfor, i laser sarebbero potuti servire per inibire i sensori sui velivoli per prevenire la possibile sorveglianza aerea delle strutture. Comunque, le autorità dell’aviazione americana hanno emesso un NOTAM (Notice to Air Men) il 14 aprile, in cui si consiglia di “usare cautela per attività laser non autorizzata” nella nazione. E si aggiunge che “ci sono stati nelle vicinanze multipli eventi che hanno coinvolto laser ad alto potenziale”.

Nessun commento:

Posta un commento